Le donne nell’antica Roma

 |  Con te a Roma  | 

Cosa ci si aspettava che faceste se foste state una delle donne dell’antica Roma? Vi sarebbe stato permesso di seguire il vostro percorso professionale o vi sareste limitate a svolgere le faccende domestiche come fanno alcune donne di oggi?

Non è stato trovato nulla che parlasse in modo affidabile delle donne nell’antica Roma. Non ci sono documenti scritti personalmente che raccontino chiaramente le speranze, le paure e i sogni delle donne, o se ne avessero davvero. I resoconti su come vivevano le donne nell’antica Roma sono stati raccolti solo da fonti scritte da uomini. Naturalmente, gli uomini provenienti da famiglie ricche sono quelli che hanno accesso alla migliore istruzione. Questo dà loro la possibilità di scrivere su se stessi e su altre persone. È quindi più probabile che scrivano delle donne della loro vita, delle loro parenti e amiche e delle loro mogli. Si parla anche delle donne povere dell’antica Roma, anche se non in modo così esaustivo.

Le donne dell’antica Roma di solito si sposavano a circa dodici anni. Oggi sarebbe scandaloso, ma di solito le persone del passato non vivevano abbastanza a lungo da aspettare i vent’anni per sistemarsi. Le donne dell’alta borghesia romana potevano avere tutti i figli che volevano e i loro mariti volevano che i figli portassero il nome della loro famiglia. L’infertilità era un motivo per il divorzio e le donne spesso lo avviavano in modo che i loro mariti potessero avere figli con un’altra donna. Le donne di classe inferiore dovevano trovare un lavoro per contribuire al sostentamento della famiglia. E anche se i loro mariti volevano dei figli maschi per portare il nome della famiglia, non ci si aspettava che avessero tanti figli come le donne ricche.

Le donne dell’antica Roma sono per lo più confinate in casa a sbrigare le faccende domestiche e a prendersi cura dei figli. Tuttavia, alcune donne dovevano lavorare per guadagnare denaro e svolgere anche le faccende domestiche. Le donne ricche dell’antica Roma non erano tenute a trovare un lavoro, ma dovevano organizzare feste e intrattenere gli ospiti.

Alle donne dell’antica Roma non era permesso avere una propria identità. I loro nomi, cioè, sono la versione femminile dei secondi nomi dei loro padri. In questo modo è possibile capire chi fossero i loro padri e quale posizione occupassero nella società.

Gli uomini erano più rispettati delle donne nell’antica Roma. I loro ruoli significativi nella storia erano quelli di portatrici di figli, madri, figlie e mogli. Forse non avevano la libertà di cui la maggior parte di noi gode ora, ma senza conoscere la libertà fin dall’inizio, cosa c’è da perdere? Si spera che, per quanto breve sia stata la loro vita, le donne dell’antica Roma abbiano trovato gioia nei ruoli che ricoprivano.


Articoli correlati su Storia di Roma

La leggenda di Romolo e Remo

Le tradizioni romane hanno adornato la storia della città con varie leggende, per lo più narrate …
Il cibo nell'antica Roma

Il cibo nell’antica Roma

Avete mai sentito il detto: “Sei quello che mangi”? Questo è inequivocabilmente vero quando ci si…
La geografia dell'antica Roma

La geografia dell’antica Roma

La geografia dell’antica Roma fu per molti versi il fattore che contribuì al suo futuro successo,…
Imperatori di Roma

Imperatori di Roma

I governanti di ogni Stato hanno sempre un ruolo importante quando si tratta del progresso nel su…
Cronologia degli eventi dell'antica Roma

Cronologia degli eventi dell’antica Roma

A distanza di duemila anni, la leggendaria fondazione di Roma antica e la storia che racchiude qu…
Con te a Roma


© Tutti i diritti riservati.

Torna in cima