L’Impero Romano dall’aristocrazia all’oligarchia

 |  Con te a Roma  | 

Civiltà primitiva fondata nel IX secolo a.C. circa nella penisola italiana, l’antica Roma passò dall’aristocrazia all’oligarchia fino a diventare un impero enorme a cui tutto il mondo guardava. Essendo molto potente, riuscì a conquistare l’Europa occidentale e l’intera fascia d’acqua che circondava il Mar Mediterraneo. Ciò avvenne solo attraverso l’invasione e l’integrazione. La Guala, l’Hispania e l’Italia erano tutte soggette a loro, ma nel V secolo furono divise in regni indipendenti.

La regione orientale dell’Antica Roma era governata da Costantinopoli. L’Impero Bizantino è stato considerato un grande impero dopo il 476, data originaria della sua caduta, e con il suo successivo inizio del Medioevo. I Greci sono stati spesso raggruppati nell’antichità classica insieme ai Greci, che erano molto preparati su una serie di argomenti. In effetti, la mente della matematica e della scienza proveniva proprio da loro. La nazione vicina diede anche notevoli contributi nel campo della letteratura, della tecnologia, del diritto, dell’arte, dell’architettura e della lingua, che fino ad oggi sono stati molto importanti per gli studi contemporanei.

Poco nota ai più, l’antica Roma derivava da insediamenti che erano circondati da guadi sul fiume Tevere. Era considerata un centro per il traffico e il commercio e, come dicono le testimonianze archeologiche, fu fondata dai Sabini e dai Latini sui colli Capitolino, Palatino e Quirinale. In precedenza, furono gli Etruschi, che abitavano nel ramo settentrionale, ad avere il controllo politico alla fine del VII secolo. Non per molto, persero il loro dominio e furono superati da un gruppo di persone che formarono la Repubblica. Essi esercitarono forti restrizioni nell’attuazione della loro autorità.

Negli ultimi anni del 509 a.C., i consiglieri dell’Antica Roma servirono come consulenti dei re. Tarquinio il Superbo fu l’ultimo della loro razza, che in seguito fu costretto a lasciare la sua posizione. Dopo l’incidente, i magistrati furono eletti in base a un sistema da loro adottato. Entrarono in gioco i diversi rappresentanti delle varie assemblee. I più importanti erano i consoli, che esercitavano il diritto esecutivo sotto forma di comando militare. Combattevano con coloro che facevano parte del senato ed erano in grado di avere il dominio anche quando erano trattati come neofiti. Controllavano molti altri individui, man mano che la loro influenza diventava più forte.

Photo by Anna Church on Unsplash


Articoli correlati su Storia di Roma

Crollo della Roma imperiale

A Domiziano successe un anziano senatore di una certa distinzione, Marco Cocceio Nerva (96–98). T…

Stato antico dell’Impero Romano [27 a.C.-476 d.C.]

Impero Romano, l’antico impero, incentrato sulla città di Roma, fondata nel 27 aC dopo la fine de…

Clemente Romano: Papa Clemente I

Clemente di Roma è considerato il terzo vescovo di Roma e uno dei Padri Apostolici. Tra le prove …

Le punizioni nell’esercito Romano

In assenza di sedie elettriche e iniezioni letali, quali sarebbero state le opzioni di punizione …

La schiavitù nell’antica Roma

Nel corso della storia, ci sono state tante testimonianze sulla pratica della schiavitù da divers…
Con te a Roma


© Tutti i diritti riservati.

Torna in cima