Il cibo nell’antica Roma

 |  Con te a Roma  |  ,
Il cibo nell'antica Roma
Naples National Archaeological Museum, Public domain, via Wikimedia Commons

Avete mai sentito il detto: “Sei quello che mangi”? Questo è inequivocabilmente vero quando ci si riferisce al cibo dell’Antica Roma. I plebei, considerati la classe più bassa della società dell’epoca, si nutrivano semplicemente di cereali. I patrizi, che erano i più nobili di tutti in quanto erano gli unici autorizzati ad assumere cariche di governo, si nutrivano di piatti esotici provenienti da terre lontane. Mangiavano tre portate di piatti deliziosi in un ambiente così accogliente che solo i ricchi possono permettersi.

La maggior parte dei romani dell’antica Roma si nutriva di olio, vino e grano, ma i ricchi avevano una grande varietà di cibo. Il grano arrivava originariamente sotto forma di frumento decorticato che veniva trasformato in polenta. Più tardi arrivò il frumentum, che era l’ingrediente principale per la preparazione dei dolci. In alcuni casi venivano aggiunti miele e formaggio per conferire dolcezza e un sapore più intenso.

In questa fase moderna, alcune prelibatezze sono prodotte esclusivamente in alcune città. Anche il cibo dell’Antica Roma aveva la sua parte di unicità: le lumache, o colloquialmente chiamate ghiri, erano allevate in modo speciale. C’era anche una vasta gamma di torte e crostate preparate in commercio, ma le più deliziose erano quelle fatte in casa. Barbabietole, lattuga, cavoli, cipolle, asparagi, zucchine, aglio, lenticchie, ravanelli e fagioli erano importati. Erano disponibili anche frutta e noci e salse fortemente aromatizzate, erbe e spezie per migliorare la loro cucina.

Si dice che l’unica fonte autentica di resoconto sul cibo nell’Antica Roma si trovi nel libro scritto da Apicus. Forse ne avete incontrati molti leggendo di tanto in tanto la loro storia. Per quanto riguarda le bevande, amavano bere vino per annacquare ciò che avevano consumato. Alcune bevande che bevevano erano considerate barbare a causa della concentrazione molto forte. La Pasca è un’altra bevanda dissetante che era molto apprezzata dai servi. Si otteneva dall’acetum, un tipo di aceto di scarsa qualità. Nelle province della regione settentrionale, la birra e l’idromele erano comuni. Il latte, tipicamente di pecora o di capra, era tabù per loro ed era riservato alle medicine quando i malati avevano bisogno di nutrirsi.

Non pensate mai che il brunch, una combinazione di colazione e pranzo, sia diventato popolare solo in quest’epoca contemporanea in cui molte persone sono troppo attente a ciò che mangiano. In realtà, non vale per tutti, perché c’è anche chi sgranocchia ciò che ama per soddisfare le proprie voglie gastronomiche. In ogni caso, tutto ha avuto inizio nel periodo primitivo, quando il cibo dell’antica Roma consisteva in pane, insalata, olive, formaggio, frutta, noci e carne che venivano serviti intorno alle 11 del mattino. Dopo aver mangiato, si riposava.

Durante la cena, il cibo dell’antica Roma prevedeva soprattutto verdure. Era fondamentalmente molto semplice rispetto a quella che si consumava in pieno giorno. Il pasto veniva preparato dalla madre o, se la famiglia era benestante, veniva organizzato dalle donne della servitù sotto la direzione della madre. Si pranza nell’atrio, dove vengono sistemati tavolo e sgabelli, poi si riuniscono gli altri membri della famiglia quando tutto è pronto. Per quanto riguarda gli utensili, coltelli e forchette erano considerati molto criptici, si usavano i cucchiai. I pasti venivano tagliati in piccole fette in modo da poter essere facilmente raccolti con le mani. Tuttavia, negli ultimi due secoli della Repubblica, quando già esistevano i consigli del Senato, lo stile è cambiato un po’. Quando si arrivò all’industrializzazione, ci furono ulteriori sviluppi, come un’area separata dove tutti banchettavano. Poi, al posto delle panche, c’erano i divani.

Nell’età imperiale, la classe più bassa della società, chiamata plebe, sopravviveva con un porridge fatto di verdure. Se avevano qualche soldo in più, mangiavano pesce, pane, olive, vino e carne. I plebei erano aiutati dal governo con un programma di welfare chiamato annona, ma anche con un programma separato per i bambini chiamato alimenta, iniziato all’inizio del II secolo d.C.. Si trattava di dare a ciascuno dei francobolli, che erano piccoli gettoni chiamati tessere, e di portare con sé dei contenitori per contenere il grano o la farina che venivano dati loro. In occasione di eventi speciali, veniva distribuita anche della carne.

Nell’antica Roma, invece, il cibo dei patrizi era molto elaborato. Le feste erano organizzate per gli uomini, mentre anche le donne e i bambini avevano le loro. Il vino non mancava mai e si trascorrevano lunghe ore a socializzare tra di loro. Il divertimento era totale: alcuni suonavano gli strumenti musicali, altri ballavano.


Articoli correlati su Cibo

Vol-au-vent con caviale nero e crema di mascarpone

Vol-au-vent con caviale nero e mascarpone:I vol-au-vent con caviale nero e crema di mascarpon…

La leggenda di Romolo e Remo

Le tradizioni romane hanno adornato la storia della città con varie leggende, per lo più narrate …
Fettuccine Alfredo a Roma

La salsa Alfredo originale: dove trovare le vere Fettuccine Alfredo a Roma

La salsa Alfredo originale: dove trovare le vere Fettuccine Alfredo a Roma
Ristoranti a Roma

Ristoranti a Roma

Cercate i migliori ristoranti di Roma? Scegliere il migliore può essere un compito vertiginoso, d…
Il cibo di Roma

Il cibo di Roma

Che si scelga di cenare in un ristorante di prima classe, in un’osteria o in una trattoria senza …
Con te a Roma


© Tutti i diritti riservati.

Torna in cima