Il Colosseo a Roma

 |  Con te a Roma  | 
Colosseo Roma
Photo by CALIN STAN on Unsplash

Circa 1920 anni fa, a Roma, fu costruito il più grande anfiteatro dell’antichità. Il Colosseo è considerato una meraviglia architettonica e ingegneristica, e i suoi resti rimangono una prova evidente della magnificenza e della crudeltà del mondo romano.

Il Colosseo di Roma era originariamente conosciuto come Anfiteatro Flavio ed è il più grande del suo genere costruito durante l’Impero Romano. Era in grado di ospitare da cinquanta a sessantamila spettatori e veniva utilizzato come campo per i combattimenti tra gladiatori. Costruito negli anni ’70 e completato nell’80 d.C., si trova a est del Foro Romano.

La costruzione del Colosseo a Roma iniziò sotto l’imperatore Vespasiano nel 72 d.C. e fu terminata da suo figlio Tito nell’80 d.C.. Fu costruito sul sito del lago di Neros, sotto il suo ampio palazzo, la Domus Aurea, che era stata eretta sulla collina del Palatino dopo il grande incendio di Roma del 64 d.C.. Il Colosseo fu poi migliorato da Domiziano. Nei cento giorni di festeggiamenti per l’inaugurazione dell’anfiteatro furono uccisi novemila animali.

L’uso continuativo del Colosseo a Roma durò fino al 217, quando fu danneggiato da un incendio causato da un fulmine. Fu ristrutturato nel 238 e i giochi gladiatori continuarono fino a quando il cristianesimo pose sempre più fine a quelle parti che prevedevano la morte di esseri umani. La struttura fu utilizzata per una serie di scopi, generalmente venatori, fino al 524. Nel 442 e nel 508, due terremoti causarono enormi danni al Colosseo.

Nel Medioevo fu rigorosamente danneggiato da altri terremoti, quindi fu trasformato in una fortezza e in una piccola parte fu eretta una chiesa cristiana. Il marmo del Colosseo a Roma veniva riutilizzato per le costruzioni o bruciato per produrre calce viva. Le famiglie romane al potere, soprattutto nel XVI e XVII secolo, utilizzarono il marmo come fonte per la costruzione della Basilica di San Pietro e dei palazzi privati delle famiglie romane, come i Barberini.

Da tempo si ritiene che il nome del Colosseo di Roma derivi da un colosso, una statua di 40 metri o 130 piedi, del vicino Nerone. Questa scultura fu poi modificata dai successori di Nerone in modo da farle assumere le sembianze di Apollo o Sol, il dio del sole, con l’aggiunta dell’apposita corona solare. Anche la testa di Nerone fu modificata più volte da quella degli imperatori successivi. A un certo punto, nel Medioevo, la statua scomparve e si sospettò che fosse stata fusa per essere riutilizzata, dato che era fatta di bronzo. La prova della sua base si trova ancora tra il Colosseo e il vicino Tempio di Roma e Venere.

Dopo la maestosità dell’epoca imperiale, il Colosseo di Roma fu abbandonato e divenne un palazzo per i clan medievali della città, una base di materiali da costruzione, uno scenario suggestivo per i pittori e un luogo di culto cristiano. Oggi è una sfida per gli archeologi e sede di spettacoli ed eventi a Roma.


Articoli correlati su Storia di Roma

La leggenda di Romolo e Remo

Le tradizioni romane hanno adornato la storia della città con varie leggende, per lo più narrate …
Il cibo nell'antica Roma

Il cibo nell’antica Roma

Avete mai sentito il detto: “Sei quello che mangi”? Questo è inequivocabilmente vero quando ci si…
La geografia dell'antica Roma

La geografia dell’antica Roma

La geografia dell’antica Roma fu per molti versi il fattore che contribuì al suo futuro successo,…
Imperatori di Roma

Imperatori di Roma

I governanti di ogni Stato hanno sempre un ruolo importante quando si tratta del progresso nel su…
Cronologia degli eventi dell'antica Roma

Cronologia degli eventi dell’antica Roma

A distanza di duemila anni, la leggendaria fondazione di Roma antica e la storia che racchiude qu…
Con te a Roma


© Tutti i diritti riservati.

Torna in cima